Uno come nessuno

“Uno come nessuno”

di Britta Teckentrup

Editore: Gallucci

32 pagg.

Età di lettura: dai 4 anni

 

 

Dopo l’umiliazione subita la settimana scorsa perdendo a Memory con mio figlio di due anni e mezzo, mentre mia figlia di sette cercava di suggerirmi per aiutarmi (umiliazione doppia…), ho tremato quando ho trovato questo bel libro di Gallucci. “Uno come nessuno”.

Per fortuna, i piccoletti hanno una memoria da elefante, ma un gioco come “scopri l’intruso” è per loro una bella sfida, tra l’altro molto divertente.

Il libro è vivace, le illustrazioni ben fatte. In ogni pagina c’è un animale diverso che fa di testa sua, che si distingue dagli altri. L’indizio per scoprire il “furbetto” viene fornito da un’allegra filastrocca (e qui faccio i complimenti alla traduttrice, e la cito pure: Paola Mazzarelli).

Abbiamo passato una bella mezz’ora sul divano, tra i “l’ho trovato!!!” della grande, e “no, fazzo me!!” del piccolo. E tutti a cercare il fenicottero con la zampa sollevata, l’unica foca che ha un pesciolino in bocca, il cammello con una gobba sola. E i pinguini?

“Chi di loro nasconde

sotto l’ala un pulcino?

Chi ha portato in segreto

a spasso un piccolino?”

No cari miei, non includo nessuna immagine questa volta. Giocherete ad armi pari coi vostri piccoli rivali.

Poi fatemi sapere com’è andata. Io nel frattempo vado in edicola a comprare uno di quei giornaletti “tutto sudoku” o qualcosa del genere. Si dice aiuti a posticipare la demenza senile….

 

 

 

La rima è un rospo

“La rima è un rospo”

di Guido Quarzo

Illustrazioni di Vittoria Facchini

Editore Motta Junior

Pagine 64

Età di lettura: dagli 8 anni

 

 

Le vacanze sono finite. Anzi, dipende dai punti di vista. Oggi è ricominciata la scuola, e per molti genitori le vacanze iniziano: si va al lavoro a riposarsi. Ancora un po’ spossata, sarò breve e andrò dritta al dunque.

Filastrocca per fare una poesia

Per fare una poesia

intitolata Mare

ci vuole tanta acqua

e molto molto sale.

Di sale ne hai un pizzico?

Per il mare non ti basta:

Puoi fare una poesia

intitolata Pasta.

Quando ho trovato in libreria “La rima è un rospo”, libro di poesie di Guido Quarzo, l’ho aperto a caso e mi sono imbattuta nella filastrocca che vi ho appena trascritto. Più che sufficiente per  decidere di non rimettere il libro nello scaffale. Lo stile dell’autore è veloce, guizzante. I temi trattatati sono molteplici. Ce n’è davvero per tutti i gusti. Dalla filastrocca dedicata al torrente che svelto gira intorno al masso, a quella sulla barca di carta, e si parla persino del mostro, quello che di notte dormiva sotto il letto.. Che fine avrà fatto? Posso solo dirvi che al termine della filastrocca compare un’aspirapolvere…

Infine, azzeccatissime e spiritose le illustrazioni di Vittoria Facchini.

Alla prossima!